Cosa sarebbe un Pc potentissimo in grado di far girare alla grande i nostri videogames senza un buon sistema di controllo?
Come potremmo goderci al meglio i capolavori videoludici che stanno uscendo, senza poterli governare al meglio?
In effetti non potremmo =)

GAMEPAD

Steampad

test questa è una didascalia

xbox-one-elite-controller

Ideale per giochi sportivi, avventure in terza persona, platform ed emulatori, i gamepad specifici per PC non sono mai stati un granchè.
Fortunatamente oggi possiamo usare i pad per console, sia quelli di Xbox One che quelli di PS4.
Quelli della Xbox One sono compatibili nativamente, basta il cavo di connessione USB e verranno installati automaticamente.
Per usare wireless i vecchi pad della Xbox One occorre una chiavetta venduta da Microsoft, mentre i nuovi pad di
Xbox One S essendo bluetooth possono essere utilizzati wireless sfruttando questo standard.
I pad della XboxOne secondo me sono in assoluti i migliori per ergonomia e materiali. Tutti i pulsanti hanno una risposta immediata, i trigger analogi hanno
un’ottima corsa e danno un gran senso di robustezza. Anche i due stick analogici sono molto comodi, hanno un’esclursione perfetta e sono molto reattivi.
Unico neo se vogliamo è il peso.
Per chi ha il portafoglio gonfio, esiste anche un pad chiamato Elite. Questa versione ha materiali ancora migliori rispetto all’originale, parti intercambiabili, tasti configurabili, insomma costa ma è attualmente il miglior pad in commercio, e credo di non temere smentita di sorta =)

Il pad di Playstation 4 per essere utilizzato al meglio ha bisogno invece dell’adattatore di Sony. Per quanto mi riguarda, pur avendo un’area touch frontale è comunque
inferiore a quello della XboxOne per via dei materiale meno solidi. In mano il pad sembra scricchiolare alle varie pressioni, le plastiche e le gomme usate sugli stich
analogici non hanno la stessa piacevolezza di quelle di Xbox. Di contro il pad è essenziale per sfruttare il servizio Playstatio Now recentemente lanciato anche su PC.
I punti di forza di questo pad sono la leggerezza e il fatto di avere all’interno una batteria ricaricabile, che per il pad di Xbox è invece venduta separatamente.
Il 15 di settembre è uscita la PS4 slim, porta con se un pad leggermente rivisto. Personalmente non l’ho ancora provato, ho letto che ha dei led di notifica frontali, dove c’è il piccolo touch screen e dovrebbe aver migliorato un po’ l’ergonomia e i materiali. Se così fosse sarebbe molto bello perché avremmo davvero una bella scelta tra due pad davvero validi a questo punto.

Esiste poi un nuovo contendente, ovvero il Controller Steam. C’erano grandissime aspettative intorno a questo pad, per via del fatto che non era una semplice scopiazzatura dei due pad da console,
ma sembrava offrire qualcosa di nuovo e di diverso che poteva rivelarsi utile in giochi come fps e stretegici, ovvero due speci di trackpad al posto degli stick analogici.
In realtà, materiali non in linea con il costo, una difficoltà d’uso superiore e una scarsa compatibilità con i giochi non di steam ne hanno un po’ frenato l’ascesa.
Personalmente non l’ho provato, in rete i pareri sono contrastanti, c’è chi ne tesse le lodi e c’è chi rimpiange il giorno in cui lo ha comprato. Personalmente non avendolo provato
non mi sbilancio più di tanto, ma una cosa posso dirla, per fps e strategici non c’è nulla di meglio di mouse e tastiera, per gli altri credo i pad classici siano forse più comodi.

MOUSE E TASTIERE

malloom-7200-dpi-7-button-font-b-mouse-b-font-gamer-gaming-multi-color-font-blogitech-g910-orion-spark-01logitech_orion_spark1

Farò un discorso generale perchè parlare di tutti i mouse e di tutte le tastiera specifiche da gioco in commercio è davvero impossibile.
Parliamo prima delle tastiere: cosa rende una tastiera, una tastiera da gioco? In primo luogo i pulsanti devono essere rapidissimi a tornare disponibili
ad una nuova pressione. per questo nelle tastiere da gioco si usano tasti meccanici. Questi tasti richiedono una minor forza per essere premuti, l’imput viene registrato prima e il loro ritorno è
più veloce. In secondo luogo una tastiera da gioco ha mediamente dei tasti specifici configurabili, ha la possibilità di inibire il tasto Windows in modo da evitare ritorni a desktop indesiderati nel
mezzo dell’azione e in molti casi è retroilluminata per l’azione serale. I costi di queste tastiere oscillano nell’intorno dei 100€ circa.

Per chi poi non si trova con le tastiere, magari perché si confondo con i molti tasti a disposizione, esistono delle tastiere ridotte, come ad esempio il Razer Nostromo, con pochi tasti, tutti configurabili in modo da avere sotto le dita solo quello che serve.

I mouse da gioco invece cosa offrono di più rispetto a quelli normali? Beh, sicuramente una precisione maggiore, spesso una risoluzione regolabile al volo mediante appositi tasti in modo da adattarsi al momento.
Ad esempio, in giochi FPS dove sarete dei cecchini, quando dovrete mirare di precisione regolerete il mouse in modo che ad un grande movimento del mouse corrisponda un piccolo movimento su schermo e nel gioco, viceversa in giochi frenetici dove dovrete cliccare da tutte le parti preferirete il contrario, ovvero che il mouse mosso poco generi nel gioco un ampio movimento.
In alcuni giochi le due situazioni si alternano, ecco perchè la regolazione è possibile farla on the fly. Altra caratteristiche dei mouse da gaming è mediamente la presenza di tasti aggiuntivi sui lati, configurabili, in modo da avere a portata di mano funzionalità aggiuntive che diversamente dovreste attivare con la mano sinistra da tastiera.

Trovo personalmente indispensabile un buon mouse e una buona tastiera per gli amanti dei vari battlefield, call of duty e soci, ma anche per chi preferisce strategici rts alla Starcraft, giochi di ruolo alla World of warcraft e moba, come league of legends.

Nella prossima guida analizzeremo periferiche più specifiche come cloche e volanti 😉


Non tutti hanno lo spazio adatto per creare in casa una postazione computer di grosse dimensioni. Non per questo però dobbiamo rinunciare ad avere un computer fisso potente al punto giusto per consentirci di giocare al meglio ai nostri videogames preferiti.

Come dobbiamo muoverci però per creare un ottimo computer da gioco che sia potente ma al tempo stesso piccolo? Seguitemi e vi dirò i passi da tenere presente per questa progettazione 😉

Il case: elemento chiaramente fondamentale è il Case. Lo chassis che andremo a scegliere infatti determinerà l’ingombro e l’estetica del nostro nuovo amico, non di meno detterà anche tutte le linee costruttive a cui dovremo prestare attenzione nella scelta degli altri componenti.

Dividiamo i case in 3 categorie, che sono le più comuni da trovare. Li dividiamo in base allo standard di mainboard che possono ospitare. Abbiamo quindi i case ATX, MicroAtX e i più recente MINI ITX che sono i più piccoli in assoluto. Volendo creare un pc molto piccolo e compatto dovremo rivolgerci ai MINI ITX, se vogliamo una via di mezzo tra grandezza e capienza i MICRO ATX.

I produttori di Case hanno fatto davvero passi da gigante e oggi possiamo trovare piccoli case MINI ITX progettati talmente bene da poter ospitare comunque schede video molto grandi, processori potenti e un sufficiente numero di HDD.

Volendo consigliare qualche case in voga nel momento in cui scrivo, potrei dirvi sicuramente il CoolerMaster Elite 130, il Corsair Graphite 380T, il BitPhenix Prodigy, ma ce ne sono tantissimi basta cercare in rete. Nella scelta ricordatevi sempre di verificare che possa ospitare schede video di buona lunghezza, che abbia il posto per il numero di HDD che vi serve e se fosse possibile che utilizzi alimentatori di dimensioni standard, in modo da rendere più facili future sostituzioni.

mini2mini3mini4

Mainboard : la mainboard andrà scelta in base allo standard che il case può ospitare, se scegliamo un case tra i più piccini sarà probabilmente MINI ITX diversamente MICRO ATX. Questo è fondamentale, se comprate un case MINI e una mainboard Micro non andrete molto lontano =)
Capito la dimensione dovremo scegliere in primo luogo se preferiamo utilizzare una piattaforma Intel o una AMD. Nel momento in cui scrivo AMD dal punto di vista CPU ha poco o nulla da offrire ad un gamer, quindi volendo un buon computer bisogna in questo momento andare su Intel. AMD sta comunque terminando la fase di sviluppo della sua nuova piattaforma Zen che dovrebbe vedere la luce tra fine 2016 e inizio 2017, se come sembra sarà finalmente competitiva avrete da fare la vostra scelta.
Scelto il vostro spacciatore di Cpu di fiducia, dovrete scegliere a quale delle sue tecnologie volete rivolgervi. Qui farete una scelta importante, infatti andrete a stabilire la potenza di calcolo del vostro computer e in buona parte andrete anche a stabilire il vostro budget di spesa.
ES. se volete risparmiare qualcosa su Intel potreste optare per il vecchio ma ancora valido socket 1150, avendo poi da scegliere tra CPU di un anno e mezzo fa che troverete sicuramente a buoni prezzi. Diversamente se volete avere il meglio andrete sull’attuale Socket 1151. Esisterebbe anche il socket 2011 però dal punto di vista gaming ha differenze talmente impercettibili che implementarlo ed alzare la spesa non avrebbe senso.
Discorso analogo lo potrete fare con AMD. Zen avrà un nuovo Socket, AM4, e quindi scegliendolo andrete ad adoperare il meglio di AMD e a spendere qualche soldo in più, mentre se deciderete di usare l’attuale FM2+ spenderete senza dubbio meno ma avrete delle performance abbastanza scarse. Esisterebbe il vecchio am3+ ma le cpu FX sono ormai vecchie di anni, scaldano come forni, non sono neanche tanto economiche e quindi non riuscirei a motivarne l’adozione.

atxmicromini

CPU: qualcosina abbiamo già incominciato a dire, tuttavia occorre parlare un po’ più diffusamente di quello che è uno delle parti cruciali di ogni computer. Allora, come scelgo il mio processore?
Bene, i giochi in genere richiedono un’ottima potenza di calcolo, ormai i più recenti sono tutti ottimizzati per le CPU multicore, quindi la differenza tra un dual e un quad si avverte molto più che in passato.
Per questo, avendo il budget, io consiglio di puntare almeno ad un core I5, preferibilmente ad un I7.
Guardando i benchmark non ci sono grosse differenze di FPS (frame per secondo) tra I5 ed I7, però guardando ad esempio nei giochi gestionali o strategici a turni, dove ci sono molte fasi di calcolo un I7 può far sentire la sua maggior potenza. Inoltre se gli emulatori sono tra i vostri interessi I7 può darvi una spintarella in più. Una volta scelto tra i5 ed i7 tenete presente questo: le CPU che terminano con la lettera K quindi i5 6600K o I7 6700K hanno il moltiplicatore sbloccato, possono quindi aiutarvi ad eseguire un buon overclock. Sono però prive di dissipatore nel box, quindi ne dovrete comprare uno a parte.
Su AMD la scelta è per me obbligata ad A10, in attesa di Zen che non vedo l’ora di vedere in azione.

intel-core-i7-sandy-bridge

Dissipatore: se il vostro processore allega il dissipatore lo potete usare, se avete comprato una cpu serie K oppure volete qualcosa di meglio dovrete chiaramente valutare cosa può contenere il vostro case.
Un dissipatore valido e che può essere montato su praticamente tutti i case mini itx è il coolermaster geminiII, in molti case potrete però montare anche dei dissipatori ibridi, tipo il corsair h80 ad esempio.
In pochissimi case potrete invece andare ad inserire un dissipatore a torre, e anche nei casi in cui sia possibile non potrete comunque scegliere i più grossi. Per esperienza personale il geminiII è un ottimo dissipatore, silenzio, economico e con buone performance.

gemini-iih80i_hero_fan

Ram: la ram è tutto sommato una scelta facile. Il tipo di ram oggi in uso è DDR4 la cui frequenza base certificata da Intel è 2133. Se volete overclokkare il vostro sistema tuttavia i vari produttori mettono a disposizione moduli con frequenze superiori, utili per sfruttare al meglio l’incremento di velocità del Bus che andrete a realizzare con l’overclock. C’è inoltre un parametro di timing delle RAM, detto CAS (colum address strobe) che va a influire sensibilmente la velocità. Non volendo ora fare un trattato sulle memorie RAM vi basti sapere che più il CAS è basso e più la vostra memoria è reattiva.
Per quanto riguarda la quantità di RAM, in genere nei videogames 8gbyte sono sufficienti, con 16 dovreste essere ragionevolmente certi di non avere mai problemi di memoria nei vostri giochi e di non arrivare probabilmente mai neanche vicini alla sua saturazione. Io consiglio in genere kit da 2 moduli, quindi 2x4gbyte o 2x8gbyte. Questo perché con 4 moduli gli overclock possono essere un po’ meno stabili e perché avete comunque 2 slot liberi per eventuali aggiunte future.

veng_lp_k_x2b

Scheda video: elemento essenziale di ogni buon computer da gaming è la scheda video. E’ secondo me il componente per il quale dovreste dedicare la maggior parte del budget per poter giocare bene e senza problemi.
Come la scegliamo? Beh intanto dobbiamo scegliere tra AMD e Nvidia. Mediamente nel mercato attuale Nvidia mette a disposizione le schede video più performanti, mentre AMD propone ottimi rapporti qualità prezzo. Se avete dunque un buon budget io vi direi di scegliere una scheda Nvidia, di contro se siete in cerca di un PC con un prezzo finale non troppo alto AMD è probabilmente la soluzione migliore.
Nvidia mediamente mantiene i suoi driver più aggiornati e la maggior parte dei giochi è ottimizzata per le sue schede, tenete conto anche di questo.
Quando abbiamo scelto il case vi ho consigliato di guardare bene alla lunghezza massima che può avere la scheda video al suo interno. Oggi le schede video sono tutte molto lunghe, quindi dovete fare attenzione di acquistarne una che possa essere contenuta dal vostro case senza problemi.
Sulle schede Nvidia alcuni produttori fanno specifici modelli per HTPC un po’ più corte del normali, mediamente però hanno anche frequenze più basse e sono meno ventilate, quindi se potete andare sui modelli standard è meglio.
Volendo sbilanciarmi, io credo che una GTX 1060 sia un’ottima scheda per la maggior parte di voi, non costa tantissimo ha performance davvero notevoli, un ottimo quantitativo di ram dedicata.
Per chi può spendere di più GTX 1070  e 1080 sono due schede davvero davvero performanti sotto ogni punto di vista. Per quanto riguarda AMD, attualmente RX 480 è la sua miglior scheda, ha però una velocità simile alla GTX 1060. RX 470 e 460 sono da scegliere solo da chi ha un budget risicato.

dsc09912gigabyte-1-800x420

HDD: beh non c’è molto da dire. Mediamente i case piccoli come quelli che stiamo considerando non possono montare molti dischi, in genere 2 o 3 dischi al massimo. L’ideale è un disco SSD da compreso tra 240 e 500 Gbyte dove andare ad installare il sistema operativo e i giochi che eseguite più frequentemente, in modo tale da avere su questi tempi di caricamento molto bassi. A questo affiancherei se possibile un disco di tipo meccanico da almeno 2TByte in modo da avere un buono spazio dove installare i giochi che usate magari un po’ meno, documenti foto e musica che vi servono su PC.
Per quanto riguarda l’ssd dovrete guardare bene le sue velocità di lettura e scrittura. Se il budget è alto potrete andare su dischi un po’ più veloci, diversamente vanno comunque molto bene anche dischi ssd un po’ più economici. Personalmente vedo enormi vantaggi nell’usare un SSD ma una volta scelto un discreto SSD non vedo poi grandissime differenze a vantaggio dei modelli superiore, riserverei quindi i miei soldi per una vga o una cpu migliori piuttosto che per il top degli ssd.

samsung

Alimentatore: bene, la scelta dell’alimentatore è più importante di quanto non sembri. Io di base in questo genere di pc consigli alimentatori modulari, ovvero con i cavi removibili. Questi alimentatori consento un assemblaggio pulito, lasciano il minor ingombro possibile dentro al case, che essendo piccolo non ha poi molto spazio al suo interno. Il wattaggio è una scelta importante. Vedo gente che prende degli alimentatori da kilowatt come niente, ma in realtà i pc più progrediscono e meno consumano. Il mio consiglio è quello di usare uno dei tanti power calculator che si trovano in giro, io trovo ad esempio ottimo quello di coolermaster: http://www.coolermaster.com/power-supply-calculator/ . Noterete che i pc anche potenti possono tranquillamente essere alimentati con un buon 500Watt. State attenti anche all’efficienza dell’alimentatore.

psu

Cercate sempre alimentatori che riportino uno di questi loghi, come mostra la tabella un bronze ha circa l’80% di efficienza energetica mentre un gold arriva al 90. Questo vuol dire che spesso è meglio prendere un buon 500 watt piuttosto che un 600 scadente, sia per robustezza che per wattaggio effettivamente erogabile.

xtr__49720_zoom__16654_zoom

Unità Ottica: ve ne parlo per completezza. Molti case mini itx non la contemplano, ne sono privi, questo per lasciare più spazio libero all’interno. L’ostacolo è superabile con ottiche esterne USB, ammesso che oggi un’ottica ancora vi serva. Se scegliete un case che la può montare all’interno, beh, poca scelta, masterizzatore DVD come minimo, l’ideale sarebbe un bel blueray per dare anche un tocco decisamente multimediale al vostro computer.

blueConclusione: bene, fine del viaggio, computer finito. Ricordate quindi: attenzione al case, piccolo ma capiente e ben strutturato. Badate alla grandezza di mainboard  e vga. Tenete sempre presente il vostro budget e lo scopo per il quale componete questo pc: il gaming. Non risicate i vostri soldi sulla scheda video o rimarrete delusi, non andate a spendere troppo in alcuni componenti tralasciandone altri, in fondo il pc è un insieme armonico di componenti, se ci sono degli squilibri le performance ne risentiranno. Noi siamo sempre a vostra disposizione se volete valutare dei progetti oltreché chiaramente per mettervi a disposizione configurazioni già pronte create sui principi che vi ho illustrato 😉

 


videogames

I videogiochi da sempre piacciono un po’ a tutti.
Piacciono ai più piccolini che rimangono affascinati dai colori e dai suoni, ma piacciono soprattutto ai grandi che, Pad in mano, tornano un po’ dietro nel tempo e si lasciano trasportare da incredibili avventure ormai magistralmente riprodotte su schermo.

Piacciono ai ragazzi, che preferiscono magari giochi di guerra, di lotta o di sport, ma piacciono molto anche alle ragazze, che magari vanno su titoli più riflessivi come avventure grafiche, giochi “alla Puzzle Bubble” ma giocano anche loro, anche se spesso fingono di non farlo e ci danno dei bambinoni a causa del nostro hobby preferito =)

Una volta per giocare bisognava andare al bar o in sala giochi, poi il mercato è completamente cambiato e oggi possiamo giocare tranquillamente seduti sulla nostra poltrona di casa. I giochi hanno ormai raggiunto grafiche vicine al foto realismo, offrono mondi sconfinati, storie degne di veri e propri film, anzi, molto spesso sono talmente belle da essere usate proprio per creare film di successo.

Scegliere su cosa giocare però non è così semplice e da sempre il mercato offre sistemi molto diversi tra loro per contenuti, prezzi e ovviamente giochi che possono offrire. Esistono Computers da gioco, creati appositamente per gestire in maniera ottimale tutti i vari video giochi, ed esistono le console da gioco, macchine essenzialmente create con l’unico scopo e l’unica funzione di fruire dei video giochi.

In passato le console venivano scelte dalla maggior parte delle persone perché immediate da usare ed economiche, mentre i computer erano scelti da chi voleva giochi più sofisticati come i simulatori di guida o di volo, o dagli amanti dei generi strategici, assenti su console.

Oggi il mercato però è cambiato, sempre più persone si stanno spostando dalle console ai computer, addirittura pare che quelle attuali possano essere le ultime generazioni di console prima di un definitivo passaggio al computer, tanto che già Sony e Microsoft stanno iniziando una silenziosa migrazione verso questi sistemi. Come mai è successo questo? Se avete tempo e voglia di seguirci lo scopriremo assieme =)

La bellezza dei giochi: da sempre i computer sono stati più potenti delle console. Da sempre i giochi multipiattaforma proposti su Pc e su console, salvo rare eccezioni di software house, sono molto più belli su Pc che su console.
Sul computerè possibile impostare la grafica a piacimento, avendo un buon computer potremo godere di dettagli, effetti e risoluzioni inarrivabili su console, dove le software house avendo tra le mani un hardware comunque economico devono scendere a compromessi per poter proporre un’esperienza di gioco fluida.
Su Pc possiamo impostare la risoluzione a nostro piacimento, possiamo impostare i filtri e molte altre cose per rendere il tutto davvero appagante per gli occhi.
La fluidità dei giochi su computer è inoltre migliore: su console mediamente troviamo degli FPS (immagini disegnate ogni secondo) di 30, massimo 60 su pochi giochi magari meno sofisticati, su computer invece possiamo avere 60 FPS o anche di più su ogni gioco. Questo si traduce con un maggior senso di velocità ad esempio nei giochi di guida, e in generale con un’immagine molto più fluida e gradevole da vedere.

Video comparativo Witcher 3 PC PS4

La varietà dei giochi: su computer troviamo praticamente tutti i generi di giochi e praticamente tutti i giochi. Lo stesso non si può dire su console. Un esempio chiaro e lampante sono i giochi di strategia. Capolavori come Warcraft, Starcraft, Heroes of Might And Magic, tutta la serie Total War, Civilization e potrei continuare così per pagine e pagine su console non trova posto. Ci sono stati in passato timidi tentativi, ma il pad proprio non si presta al tipo di gioco. Altro genere più che sviluppato su PC e molto carente su console (per non dire peggio) è quello dei così detti hack’n slash. Mai sentito parlare di Diablo? Su console attualmente c’è Diablo 3….ma giocato con il pad viene totalmente snaturato, non sembra neanche lui…ed inoltre c’è praticamente solo lui. Giochi come Grim Dawn, Van Helsing, Sacred, Titan quest su console non esistono.
Altro genere davvero bello, che viene giocato da milioni di persone esclusivamente su PC è quello dei moba come League of Legend, Dota 2 e Heros of the Storm. Giochi bellissimi, intriganti, che purtroppo su console non troviamo.
Giochi gestionali come Football Manager? Ne vogliamo parlare? Tutti i piccoli giochi Indie che popolano Steam? Molti su console non li troviamo….Potrei davvero andare avanti così per ore, credimi.

Di contro cosa offrono le console che non troviamo su pc? Microsoft con Xbox Anywhere ha praticamente sdoganato tutte le sue esclusive principali anche su Windows 10. Quantum Break, Forza, Gear Of war, Recore li troviamo ora tranquillamente anche su PC.
Sony ha proprio in questi giorni portato il servizio PS Now anche su PC, potremo quindi giocare in remoto a tutti i principali titoli PS3 e in futuro a quelli PS4. Altri, come No Man Sky vengono già portati nativamente in Windows direttamente dagli studios di Sony.
Tutti gli altri giochi multipiattaforma vengono portati sempre in Windows con risultati migliori nel 99% dei casi.
Generi che su PC una volta non arrivavano, come i giochi di ruolo giapponesi, JRPG per gli intenditori, ora arrivano tranquillamente tramite Steam.
Dove non si arriva così arriviamo con l’emulazione….

lol  pillar 

 starcraft2  warhammer

Retrocompatibilità: se si usa il computer un problema in meno a cui pensare. Su computer giochiamo a tutte le glorie del passato, difficile trovare un gioco incompatibile e se proprio si trova si può al più virtualizzare il sistema operativo sul quale girava. Inoltre store online come GOG (good old games) mette a disposizione vecchie glorie introvabili a prezzi stracciati, sempre compatibili con i sistemi attuali e con ottimizzazioni per gli schermi 16:9.

 baldurs_gate_box  diablo_title  doom

Traduzioni: qua si va sul pesante. Molti giochi purtroppo non vengono tradotti, purtroppo noi italiani non è che siamo proprio considerati da questo punto di vista. Su console il problema è insormontabile, se non con un bel vocabolario. Su Pc invece appassionati creano apposite patch di traduzione. Nasce così la versione italiana di Final Fantasy Vii, di Chrono Trigger, di Fallout 1 2 e tattics e molti molti altri giochi. In fondo per godersi un gioco bisogna anche capirlo.

fallout_progetto_tifone_ita_1  ff7ita  torment-03

Emulazione: Una delle parti che amo maggiormente di cui  farò sicuramente alcuni speciali prossimamente.
Che cos’è l’emulazione ? E’ sostanzialmente la possibilità di eseguire software (in questo caso videogames) scritti per altri sistemi. La potenza degli attuali computer consente di gestire senza problemi l’emulazione di sistemi quali: Playstation 2, Nintendo Wii, Recentemente addirittura WiiU , Gamecube, Nintendo 64, Sega Saturn, DreamCast, vecchie glorie del passato come Megadrive e Super Nintendo, Commore64, insomma un computer può farvi giocare con la storia dei videogames, quelli del passato, del presente e anche del futuro.
Non dimentichiamoci poi l’emulazione degli epici giochi da Bar, che io personalmente adoro.
Sono poi in sviluppo nuovi emulatori per Playstation 3 e Xbox 360, non sono ancora  all’altezza di quelli che vi ho citato sopra ma stanno crescendo molto rapidamente e tra non molto ne vedremo delle belle.
Per chi non lo sapesse l’emulazione è perfettamente legale, è illegale solo reperire Iso o rom online, ma se vi comprate o avete i giochi per i sistemi succitati il tutto è ASSOLUTAMENTE legale.

 cemu_1_2_0_mario_kartproject64rpcs3

Multiplayer Gratis: se avete già una console saprete di questa antipatica spesuccia. Per giocare online con i vostri amici, purtroppo, sarete tassati nel vero senso della parola, con PSN PLUS o con Xbox Gold costa circa 50 euro all’anno. Su pc giocate con chi volete, quando volete, senza tasse e senza spese.

                                   paghi

Il prezzo dei giochi: un gioco nuovo appena uscito su console ormai costa in media, salvo rare eccezioni, 79€ circa. Su computer un gioco nuovo appena uscito ne costa in media 59€.
Su computer inoltre ci sono store virtuali conosciutissimi, come Steam e il già citato GOG che fanno offerte, sconti e promozioni in continuo. Ci sono periodi dell’anno nei quali si portano a casa giochi bellissimi a meno di 10€, a volte a meno di un euro.
Ancora, su computer troviamo alcuni siti come Humble Bundle che spesso danno pacchetti di giochi a prezzi stracciati, vere e proprie collezioni da sogno portate a casa anche solo con 1€.
Queste realtà stanno distruggendo il mondo della pirateria, non vale neanche più la pena perdere tempo a cercare giochi che poi non funzionano, non si aggiornano etc. quando ci sono modi legali di avere i nostri giochi preferiti perfettamente funzionanti.

 humblegogsteam

Semplicità d’uso: Uno degli storici punti di forza delle console era proprio la semplicità d’uso. Su storiche console come NES, SNES o anche Playstation, era sufficiente inserire la cartuccia o il cd per cominciare subito a giocare. Non c’erano aggiornamenti, non c’erano menu, non c’erano impostazioni, al più la Playstation aveva una cartuccia per i salvataggi.
Oggi invece cosa è successo? Le console hanno tentato di colmare la distanza con il computer, cercando di avere più funzioni. Questo ha fatto si che anche nelle console comparissero delle vere e proprie interfacce grafiche, spesso non molto chiare e non facili da usare. Inoltre per arricchire di funzioni le console si è reso necessario poterle aggiornare, esattamente come un computer. Succede quindi che spesso accendendo la console anziché poter da subito giocare come una volta è necessario prima eseguire un aggiornamento obbligatorio.
Inoltre non è più sufficiente inserire il disco per iniziare a giocare, ora i giochi vanno installati, esattamente come su computer, e anche loro richiedono aggiornamenti periodici. Per installarsi i giochi hanno bisogno di un Hard Disk, esattamente come sul computer, più giochi installerete e più lo riempirete e dovrete andare a gestire presto lo spazio libero. Ecco quindi che le console vengono vendute con diversi tagli di hard disk e hanno l’hard disk sostituibile, esattamente come i computer.

E’ chiaro quindi che le console, nel tentativo di avvicinare la qualità dei computer,   abbiano finito anche per avvicinarlo nella modalità d’uso e di gestione, perdendo uno dei loro storici vantaggi, la semplicità d’uso.

Il computer ha invece fatto passi in senso opposto. Ad esempio oggi sia Nvidia che AMD mettono a disposizione app che autoconfigurano i giochi in modo da ottenere le migliori performance e la miglior resa grafica in base al vostro sistema. C’è a chi piace settare da solo al meglio il proprio gioco, ma non tutti sono capaci ed ecco qui che il problema si risolve. Queste app ricercano i vostri giochi, e li autoconfigurano da sole al meglio. Fantastico. Inoltre sempre le stesse app cercano per voi i driver video aggiornati e li autoaggiornano, così avrete sempre le migliori performance possibili.

geforce-experience  raptr

Sistemi di controllo: mai giocato Battle field o Call of Duty con un pad? Terribile no? Su computer gli sparatutto in prima persona sono tutta un’altra cosa. Potrete scegliere il vostro mouse, la vostra tastiera e comandare al meglio il vostro alter ego. La precisione sarà massima.
Amate i simulatori di volo? A parte che su console non li avete, su pc potrete disporre di cloche, joystick pedaliere e quanto vi serve per sentirvi davvero in cabina di pilotaggio.
Amate i simulatori di guida? Su pc avrete una scelta pazzesca di volanti, anche professionali, pedaliere e tutto quello che serve per sentirvi seduti sul vostro bolide.
Qualche amante di console malignerà: ma su pc non avete i pad… E ti sbagli caro amico. Sony ha appena rilasciato uno stick ufficiale per usare l dual shock 4 su pc, sfruttabile con PS Now, i pad Xbox one sono da sempre compatibili con il computer, ora quello della Xbox One S anche via bluetooth senza cavi o adattatori.
Come vedi qui non manca niente…

   mouse1  madcatz_strike7_2-100020618-orig    mouse-2

La console costa meno, sicuro? Beh, per carità, per costare costa meno eh, una Playstation 4 al lancio costava 399 e una Xbox One 499. Oggi, dopo neanche 3 anni però ci vengono a dire che sta per uscire Playstation 4 Pro e che chi vorrà godere l’esperienza migliore dovrà prenderla e spendere altri 409€ in Italia. Per chi ama Microsoft invece nel 2017 è già attesa Scorpio, una nuova Xbox, e giù denari.

Con il pc all’acquisto è indubbio, spendi di più, ma già di base hai un sistema che può fare mille cose di più, come foto e video editing, editing Audio, reale navigazione in internet con gestione di Home Banking, creare testi, fogli di calcolo, presentazioni, gestire la vostra musica, le vostre foto. Insomma un computer da gioco non è solo un giocattolo, è uno strumento completo da lavoro.
Inoltre acquistando un buon computer i giochi vi gireranno alla grande per anni, sarai poi tu a scegliere se e quando aggiornarlo ma non dovrai mai buttare via la tua buona base già acquistata, spesso basterà cambiare una scheda video per ritornare al top e non perderete nulla dei tuoi giochi.
Vista così ti sembra sempre che la console sia più economica?

Scegli tu quello che fa per te: il TUO computer da gioco è il TUO computer da gioco. Sai tu quello che vuoi e quello che ti serve. Vuoi un computer enorme, che possa tenere dentro di se tantissimi HDD, due o tre schede video, una scheda audio professionale? Puoi averlo!
Vuoi un computer piccolissimo, che si sposi bene nel tuo nuovo salotto, magari proprio sotto la tua tv? Puoi averlo !
Metterai il Pc in camera da letto e tua moglie sentirebbe volare una mosca a 300 metri di distanza? Ti serve un pc da gioco potente ma che non si sente neanche a 10cm ? Noi lo facciamo !
Hai in testa un computer ultra trasportabile per andare a giocare a casa dei tuoi amici o partecipare ai LanParty? Fammi controllare…..ah si c’è pure questo….

380t_yellow_09  pc-simulatore-di-guida  bulldog  corsair
Conclusioni: potrebbe sembrare che noi siamo di parte, ma se guardi cosa stanno facendo le varie software house e il mercato in generale capirai che non è così. La stessa Sony e Microsoft si stanno piano piano e silenziosamente spostando su Pc, molti analisti dicono che questa sarà l’ultima generazione di console, e viene quasi da crederci, e se si sbagliano probabilmente il processo sarà solo rimandato alla prossima generazione. Evolviti, come direbbe Abathur, vieni a giocare con noi

    lanparty